Questo blog

Un tour degli Stati Uniti da Miami a Washington D.C.

134 anni in 2, 1 camper, 9 mesi, 40 stati, 45.000 km, 0 voli interni, 0 tecnologia. Mio padre direbbe “niente aggeggi digitali.”

 

gli stati che abbiamo visitato

 

Tradotto: no smartphone, no netbook, no navigatore satellitare, no macchina fotografica digitale. No assistenza tecnica dall’Italia, a parte la mia che di tecnica non ci capisco niente. Qualsiasi altra cosa vi venga in mente non sanno cos’è, quindi no, non l’avevano.

Nelle valige con cui sono partiti da Malpensa il 22 gennaio 2013 avevano una macchina fotografica con decine di rullini per diapositive, un atlante stradale degli Stati Uniti, delle guide turistiche e un blocco di appunti sull’itinerario da percorrere. E il cellulare che in Italia avevano spacciato per triband ma in realtà non lo era.

tecnologia viaggio usa

tutta la tecnologia usata per 9 mesi

La prima sera mi hanno chiamato dall’albergo per dirmi che erano vivi. Quando sono arrivati a comprare il camper mi hanno fatto mandare una mail dal venditore per dirmi che erano vivi. Dopo alcuni giorni hanno comprato un cellulare tradizionale e fatto un abbonamento con chiamate illimitate verso l’Italia. La copertura della rete lasciava quanto meno a desiderare ed erano isolati per settimane. Però usavano la carta di credito e quando ricevevo un SMS dalla banca sapevo che erano vivi.

Dell’elezione del nuovo Papa lo hanno saputo in un posto sperduto del New Mexico da della gente che non aveva mai visto prima degli europei.

Viaggiatori analogici non è il resoconto di uno dei tanti viaggi in camper o delle vacanze in America, per quanto lunghe.

E’ un diario di bordo scritto ogni giorno dopo cena o, se si era troppo stanchi, la mattina dopo prima di ripartire. Scritto a mano su un quaderno e riportato qui, giorno per giorno, in differita di un anno.

diario originale su carta

il diario originale

E’ la condivisione delle nostre esperienze dirette, di timori, scoperte, pregiudizi, risate, imprevisti, nostalgie… ma anche una condivisione di informazioni utili e speriamo un’ispirazione per chi avrà la possibilità di intraprendere un viaggio simile, o di realizzare un qualsiasi altro sogno che gli sembrava impossibile.

Buona lettura!

P.S. Se questo sito è stato creato, molto merito va all’incoraggiamento di Domitilla Ferrari. Grazie.

Scopri di più su di noi

Leggi il nostro diario di viaggio giorno per giorno

Segui il nostro itinerario sulla mappa Stati Uniti

Trova informazioni utili per il tuo viaggio negli USA

Dai un’occhiata alle nostre gallerie fotografiche

Se il sito non ti basta e vuoi altri consigli, lasciaci un commento o contattaci

6 risposte a Questo blog

  1. Elettra dice:

    Commovente.. Una speranza per tutti noi che vogliamo partire ma non abbiamo il coraggio..per ora..

  2. Francesca dice:

    Capisco che è difficile avere il coraggio. Quando si ha un sogno per tanto tempo, è anche difficile riuscire a tradurlo nelle azioni concrete che servono per realizzarlo. Forse questo viaggio non sarebbe mai avvenuto se un giorno non avessi detto ai miei genitori “Se volete davvero farlo, iniziamo ad organizzare oggi.” Vi auguro che questo momento arrivi presto anche per voi!

  3. Francesca dice:

    Wow!! Ma come avete fatto a comprare il camper la? E poi l’avete rivenduto prima di partire?

  4. Francesca dice:

    Ciao Francesca,
    grazie del tuo commento.
    Abbiamo comprato il camper da Cruise America, prenotandolo da casa. Lo abbiamo scelto e abbiamo pagato una caparra, con l’accordo che se ci fosse stato qualcosa che non andava, avremmo potuto scegliere un altro camper dello stesso modello fra quelli in esposizione.
    Poi lo abbiamo rivenduto da soli e questa è stata la parte più complicata, ma ne è valsa la pena!
    Stai progettando un viaggio? Facci sapere se possiamo aiutarti.

  5. Francesca dice:

    Per adesso diciamo che è ancora un sogno, che ci piacerebbe realizzare nel 2020 (la nostra bimba più piccola – ne abbiamo 3 – avrà 5 anni, prima ci sembra un po’ complicato). Sto iniziando a guardare itinerari, a cercare di capire quali sono le soluzioni più economiche… Di certo il camper mi sembra il modo migliore per girare… Non avevo mai pensato a quest’idea di acquistare e poi rivendere. Ho visto i prezzi dei noleggi e sono proprio alti… Adesso mi leggo per bene tutto il tuo bel blog!

  6. Francesca dice:

    Sicuramente il camper è il mezzo ideale per girare gli Stati Uniti! Anche noi avevamo preso in considerazione il noleggio, ma per 9 mesi il costo era davvero altissimo. In bocca al lupo per il vostro progetto, vi auguro un viaggio meraviglioso come il nostro!

Cosa ne pensi? Siamo curiosi di conoscere la tua opinione!